XXI° CAMPIONATO EUROPEO DI PESCA A MOSCA
21-27 settembre 2015

Regolamento

BACKGROUND

Il primo Campionato Mondiale di pesca a mosca si è svolto nel 1981. Questo campionato si è svolto sotto la giurisdizione della Confederazione Internazionale della Pesca Sportiva (CIPS), e amministrato dalla Federazione Internazionale di pesca sportiva nelle acque dolci (FIPS-Ed). I campionati annuali sono stati decisi da un Comitato di FIPS-Ed fino al 1988.

Dal 1989, la Federazione Internazionale di pesca a mosca Sport (FIPS-Mouche) è stata fondata a San Marino, come federazione indipendente all’interno della CIPS. Il Regolamento del Campionato è stato elaborato dal Consiglio di Presidenza e dalla Commissione tecnica per assicurare la coerenza/correttezza nella conduzione dei campionati della FIPS-Mouche.

Le modifiche delle regole sono autorizzate per poter tener conto delle disposizioni legislative, regolamentari del paese ospitante. Qualsiasi siano tali modifiche devono essere rese pubbliche a tutti i membri, previa approvazione da parte del Consiglio di Presidenza, prima della manifestazione in questione. Se sorge qualche dubbio o controversia su qualsiasi aspetto delle regole del Campionato, sarà risolto interpretando lo spirito del Regolamento.

ARTICOLO 1: INTRODUZIONE

1.1. La pesca sportiva è effettuata con canna e lenza, ed è praticata da pescatori dilettanti e non a fine di lucro.

1.2. La competizione nella pesca sportiva è attribuita ai garisti, che devono osservare un regolamento prestabilito senza fini di lucro.

1.3. Le competizioni di pesca sportiva con la mosca sono da condursi con una canna convenzionale da mosca e una fly line (coda di topo), un mulinello da mosca e artificiali approvati da un regolamento prestabilito, senza fini di lucro.

1.4. Le competizioni di pesca sportiva con la mosca devono essere esenti da doping, al fine di promuovere la salute, l’equità e l’uguaglianza per tutti i concorrenti in tutto il mondo.

ARTICOLO 2: INFORMAZIONI GENERALI

2.1. I campionati possono essere organizzati per concorrenti di entrambi i sessi, in competizione contemporanea e/o separatamente.

2.2. Le gare possono svolgersi in acqua corrente (torrenti – fiumi) o in acqua ferma quali i laghi.

2.3. I campionati possono essere organizzati in varie fasce d’età, come segue: 1. SENIOR - Over 18 in qualsiasi momento dell'anno del campionato; 2. GIOVANI età compresa tra i 14 e 18 anni in qualsiasi momento dell’anno del campionato; 3. MASTER – Over 50 in qualsiasi momento dell'anno del campionato;

2.4. Queste regole di gara si applicano anche a tutte le gare del campionato Europeo, nonché del Campionato Mondiale, salvo indicazione contraria all'interno di queste regole o modificate (si veda l'articolo 7.1).

2.5. Ogni campionato mondiale deve avere un conservation Symposium.

2.6. Per comodità, le parole "egli/lui" e "suo" sono usati in questo documento per comprendere rispettivamente le parole "ella/lei" e "sua".

ARTICOLO 3: DOMANDA DI ORGANIZZAZIONE E RELATIVE AUTORIZZAZIONI

3.1. I membri della FIPS-Mouche, che desiderano organizzare qualsiasi campionato FIPS-Mouche devono presentare una richiesta scritta al Segretario Generale della FIPS-Mouche almeno quattro mesi prima dell’ Assemblea Generale FIPS-Mouche.

3.2. La domanda deve, come minimo, contenere i seguenti punti:

a) Anno, data approssimativa entro l’anno, luogo, acque e specie idonee.
b) Giustificazione della data approssimativa, il luogo e le acque previste per il campionato, con i commenti sulla qualità della pesca.
c) Stili di pesca da inserire (es. fiume, mosca secca…)
d) Durata del campionato
e) I costi stimati di partecipazione per i concorrenti e per gli ospiti

3.3. Ogni campionato FIPS-Mouche deve essere autorizzato dall’Assemblea Generale della FIPS-Mouche.

3.4. Ogni Campionato della FIPS-Mouche deve avere come minimo i seguenti elementi nel titolo:

a) Numero sequenziale del campionato FIPS – Mouche;
b) Categoria (se non è senior);
c) Area geografica applicabile;
d) Campionato di pesca a mosca (es. II Campionato Mondiale FIPS-Mouche giovanile di pesca a mosca)

3.5. Un membro del Consiglio Presidenziale della FIPS-Mouche è tenuto a visitare il luogo e i campi gara preferibilmente con un anno di anticipo rispetto alla data presunta del campionato, al fine di verificare che soddisfino tutte le condizioni necessarie per un Campionato FIPS-Mouche. I costi di tale ispezione saranno a carico del paese ospitante.

ARTICOLO 4: PROTOCOLLO DEL CAMPIONATO

4.1. Tutti i campionati FIPS-Mouche devono essere condotti in modo conforme agli atteggiamenti olimpici.

4.2. Le bandiere dei paesi partecipanti deve essere esposte durante tutto il campionato.

4.3. Tutti i campionati mondiali della FIPS-Mouche (ma non necessariamente altri campionati) devono avere una cerimonia di apertura con la partecipazione civica, nella quale tutti i paesi partecipanti devono essere presentati, con una dichiarazione sugli ideali olimpici e una dichiarazione fatta dell'apertura dei giochi.

4.4. Tutti i campionati mondiali della FIPS-Mouche (ma non necessariamente altri campionati) , devono avere anche una cerimonia di chiusura, con la partecipazione civica, che vedrà la presentazione delle medaglie d’oro, d’argento e di bronzo per il campionato a squadre e il campionato individuale, seguita dalla dichiarazione di chiusura dei Giochi.

4.5. Gli inni nazionali dei vincitori di medaglie devono essere suonati durante ogni presentazione.

4.6. Tutti i membri devono presentare una dichiarazione alla FIPS-Mouche al momento della nomina per organizzare un mondiale o un europeo, nella quale devono indicare che sarà applicato il bando dello statuto della FIPS-Mouche CIPS.

ARTICOLO 5: CAMPIONATI NEL PAESE DI UN MEMBRO FIPS-MOUCHE

5.1. I membri della FIPS-Mouche sono liberi di organizzare i campionati nel loro paese.

ARTICOLO 6: ORGANIZZAZIONE DEI CAMPIONATI

6.1. L'organizzazione del paese ospitante è responsabile di quanto segue:

a) Presentazione del bilancio provvisorio per l’evento in occasione della visita di un membro del Consiglio Presidenziale (art. 3.5)
b) Fornire a tutti i soci FIPS-Mouche, durante il campionato precedente, (o almeno a nove mesi prima della manifestazione), i dettagli del luogo proposto, campionato, acque, date, specie ammissibili, metodi di pesca e tutte le altre informazioni rilevanti al fine dello svolgimento del campionato e un invito formale a partecipare al campionato.
c) Nomina di un organizzatore adeguatamente qualificato ed esperto per la gestione della preparazione e l’esecuzione del campionato.
d) Selezionare la formazione dei giudici e dei controllori dei settori che sostengano l’ideale olimpico e che presentino sportività, lealtà onorevole. Il presente documento dev’essere presentato tre mesi prima dell’inizio del campionato.
e) La presentazione di un bilancio aggiornato per l'evento al consiglio del Presidente della FIPS-Mouche, al momento del primo annuncio del costo di partecipazione per un campionato.
f) La presentazione dei conti della manifestazione al Consiglio di Presidenza della FIPS-Mouche, al più tardi tre mesi dopo la conclusione di un campionato.
g) Sviluppo e applicazione di regolamenti e test antidoping per il campionato, come richiesto (art. 39)
h) Il paese ospitante deve provvedere all’ingaggio di pescatori (tappabuchi) affinchè tutte le beats vengano pescate.

6.2. Il programma del computer serve per effettuare il sorteggio e applicare il punteggio ad ogni prova del Campionato FIPS-Mouche. Il sorteggio sarà fatto sotto la supervisione di un Consigliere della FIPS-Mouche, il programma dovrà essere installato e eseguito su un computer protetto da password.

ARTICOLO 7: REGOLE DI GARA E MODIFICHE

7.1. In tutti i campionati autorizzati dalla FIPS-Mouche deve essere rispettato questo regolamento di gara, tranne quando viene specificato all'interno di questo regolamento o in quello modificato al fine di tener conto delle disposizioni legislative e regolamentari, per particolari esigenze del paese ospitante.

7.2. Eventuali modifiche derivanti dall'applicazione dell'articolo 7.1 devono essere incluse nel Regolamento di modifica.

7.3. Una bozza delle modifiche al regolamento deve essere presentata durante la visita del membro del Consiglio di Presidenza (art 3.5) e ultimato entro un mese della visita da presentare al Consiglio di Presidenza stesso.

7.4. Il Consiglio di Presidenza deve rivedere, modificare, se ritenuto necessario, ed approvare le modifiche al regolamento, non oltre sette mesi dall’inizio della manifestazione.

7.5. Il Segretario Generale deve inviare il il regolamento di modifica a tutti i membri entro un mese dalla loro approvazione da parte del Consiglio di Presidenza.

ARTICOLO 8: MEDICI E COPERTURA ASSICURATIVA

8.1. L'organizzazione ospitante deve organizzare un’adeguata assistenza sanitaria e una copertura assicurativa durante il periodo di competizione ufficiale.

8.2. I membri sono responsabili della fornitura sanitaria adeguata, trasporti e altre assicurazioni per la loro squadra.

ARTICOLO 9: GARE DI PESCA A BOX

9.1. Le acque dedicate alle competizione devono essere divise in cinque settori, identificati per nome,se possibile, e da Numeri romani I, II, III, IV e V e con identificazione tramite colori. Il numero dei settori corrisponde al numero di partecipanti di ciascuna squadra (art.12.3)

9.2. Le beat all'interno dei settori devono essere numerate progressivamente a partire dal confine a monte del corso d'acqua. Sulle sponde dei laghi, le beat devono essere numerate in senso orario. Ci deve essere inoltre lo stesso numero di beat all'interno di ciascun settore uguale al numero delle squadre partecipanti.

9.3. È obiettivo primario del paese ospitante permettere a tutti i concorrenti lo svolgimento di un’azione di pesca con pari opportunità, assicurare che nessun concorrente possa essere avvantaggiato o svantaggiato dalla qualità della beat assegnata. In ogni caso la beat deve essere di lunghezza minima di 200 metri d’acqua corrente o 100 metri di sponda per quanto riguarda i laghi. Idealmente, ogni beat avrà un minimo di campo neutro di venti metri di 8 lunghezza. Le beat selezionate devono fornire le condizioni per mantenere un costante contatto visivo dei controllori con il concorrente. I controllori devono essere adeguatamente attrezzati per tale scopo (binocolo, stivali di gomma o waders e devono essere provvisti di dispositivi di sicurezza se necessario).

9.4 L’organizzazione è responsabile del settore, sulla sicurezza anche degli spettatori che seguono la manifestazione.

9.5. Un concorrente può svolgere la sua azione di pesca unicamente all’interno dei confini contrassegnati della sua beat, e deve rimanere entro tali confini durante tutta la sessione di gara. Un concorrente non può pescare, né utilizzare in altro modo qualsiasi forma di ponte durante una sessione della gara.

9.6. Se un pesce allamato finisce durante il recupero in una zona cuscinetto, il concorrente può continuare regolarmente il recupero portando il pesce all’interno della propria beat nella quale verrà guadinato. Se un pesce allamato finisce nella beat adiacente, occupata da un altro pescatore, e il pescatore non si oppone, il concorrente può continuare il recupero del pesce portandolo all’interno della propria beat. Qualora il pescatore della beat adiacente invece, vi si opponga, il concorrente ha un massimo di cinque minuti per portare il pesce fuori dalla beat adiacente.

9.7 Durante la sessione di gara è consentito guadare, ma solo il concorrente può farlo ed entro i limiti del proprio box. L’attraversamento può avvenire solamente se è garantito sempre il contatto con la terra o con il fondo, è proibito nuotare o galleggiare. ARTICOLO

10: GARE DI PESCA DALLA BARCA

10.1. Ci deve essere lo stesso numero di concorrenti in ogni barca.

10.2. Ogni concorrente ha il diritto di essere il comandante della barca per un tempo pari alla metà del tempo di gara. La decisione di quale concorrente inizierà a comandare verrà presa con il lancio di una moneta.

10.3. Il concorrente al comando della barca può prendere tutte le decisioni tattiche, tra cui: dove sedersi sulla barca, dove la barca dev’essere posizionata, se utilizzare un’ancora a vento. Il controllore può a sua discrezione ignorare una tale decisione per ragioni di sicurezza o di correttezza verso gli altri concorrenti nella sua barca o in altre.

10.4. Le imbarcazioni devono partire almeno dieci minuti prima dell'inizio della gara per dare ai concorrenti il tempo necessario per arrivare al momento dell'inizio della sessione nella posizione voluta per iniziare l’azione di pesca.

10.5. Nessuna barca può avvicinarsi nel raggio di cinquanta metri a un'altra barca, nell’ambito della gara, se non per ragioni di sicurezza o necessità.

10.6. I concorrenti durante l’azione di pesca devono essere costantemente seduti sui sedili installati a bordo dell’imbarcazione, si può usare al massimo un cuscino aggiuntivo di altezza massima di dieci centimetri (art 10.8). 9

10.7. La guadinatura del pesce dev’essere svolta dal pescatore che ne ha effettuato la cattura, oppure dal controllore se il concorrente ne chiede l’aiuto, a suo rischio e pericolo.

10.8. Un concorrente può alzarsi in piedi per poter guadinare il pesce, nel caso invece abbia chiesto l’aiuto del commissario deve necessariamente stare seduto.

10.9. Il regolamento di modifica deve dare più dettagli possibili su come dev’essere condotta l’azione di pesca dalla barca, ad esempio con barche ancorate, se si può utilizzare un’ancora a vento, l’area in cui ogni concorrente può esercitare la propria pesca, il numero di concorrenti per barca, se l’azione di pesca può avvenire mentre il controllore utilizza i remi; dare l’indicazione se l’area di competizione può essere utilizzata completamente o in parte per le prove ufficiali, se la zona di gara dev’essere divisa in cinque settori o se possono essere pescate da più di un gruppo di concorrenti allo stesso tempo, se le imbarcazioni dovessero essere tenute alla deriva verso destra o verso sinistra.

10.10. Solo il controllore può usare i remi e/o motore.

ARTICOLO 11: DURATA DELLE GARE E PUNTEGGI DI SESSIONE DELLE PROVE

11.1. Ogni campionato mondiale senior deve fornire almeno cinque diverse sessioni di gara, tutti gli altri campionati FIPS-Mouche devono fornire almeno tre sessioni di gara. In tutti i campionati, i concorrenti avranno il diritto di pescare lo stesso numero di sessioni di gara per ogni tipo di pesca.

11.2. Ogni sessione di gara deve comprendere almeno tre ore di pesca. Se, per motivi indipendenti dalla volontà del concorrente, la durata della sessione risultasse inferiore a quella prestabilita, deve essere consentito un tempo di compensazione.

11.3. Le ore di gara saranno stabilite dall'organizzazione del paese ospitante.

11.4. L'organizzazione è tenuta a garantire un minimo di tre ore per praticare ogni tipo di pesca in ogni gara, garantendo così equità di condizioni per ciascun concorrente.

ARTICOLO 12: CHI PUÒ PARTECIPARE

12.1. Qualsiasi membro FIPS-Mouche e qualsiasi nazione che ha chiesto l'affiliazione alla FIPS-Mouche e ha pagato la quota associativa, può partecipare ai campionati FIPS-Mouche.

12.2. Le squadre sono composte per mezzo di decisione dell’organizzazione della propria nazione, e ogni membro del team deve essere cittadino del paese della sua squadra nazionale.

12.3. I partecipanti possono essere:
a) In una competizione mondiale o europea, il team deve essere composto da un minimo di cinque concorrenti, più eventualmente uno di riserva e/o un capitano e/o un dirigente.
b) Per altre competizioni Fips-MOUCHE una squadra deve avere un minimo di tre concorrenti.
c) Un individuale, l’organizzazione provvederà a mettere tutti gli individuali in una squadra INDIV, se non si raggiunge il numero minimo stabilito, la squadra sarà completata da tappabuchi senza punteggio.

ARTICOLO 13: REQUISITI DI SQUADRA

13.1. I nomi dei componenti di ogni squadra dovrà essere comunicato all’organizzazione internazionale con almeno sessanta giorni di anticipo rispetto alla data di inizio della manifestazione, accompagnato da un certificato della Federazione affermando che tutti i membri del team sono conformi alle condizioni di cui all’art.

13.2, e le eventuali modifiche successive ad una squadra devono essere notificate all’organizzazione internazionale con un adeguato certificato di idoneità al momento della registrazione.

13.3. Il membro del team designato come riserva al momento della registrazione può essere sostituito da un altro concorrente, che può essere riammesso per una sessione successiva nello stesso gruppo. Il capitano della squadra deve comunicare all’organizzatore internazionale, o al suo rappresentante, qualsiasi sostituzione per iscritto non entro i 30 minuti prima dell'inizio di una sessione di gara. (Dev’essere utilizzato l’apposito modulo FIPS-Mouche).

13.4. La riserva può essere sostituita a pescare in un settore in cui ha già gareggiato con la esplicita autorizzazione del rappresentante della FIPS-Mouche presente al campionato. L'approvazione deve essere richiesta e giustificata per iscritto dal capitano della squadra almeno trenta minuti prima dell'inizio della sessione di gara.

13.5. Se una squadra non contiene un membro che può interpretare e tradurre da e verso una delle lingue ufficiali, un traduttore/interprete deve essere aggiunto dal team, che dovrebbe accompagnare il capitano della squadra durante tutte le sessioni di gara.

ARTICOLO 14: OBBLIGHI DEI CONCORRENTI

14.1. I partecipanti alle manifestazioni autorizzate dalla FIPS-Mouche devono rispettare il regolamento di gara e le sue modifiche.

14.2. Gli sponsor ufficiali dell’organizzazione devono essere sempre esposti; tutti i dichiaranti della squadra sono tenuti a partecipare a tutte le funzioni ufficiali elencati nel programma ufficiale della manifestazione.

14.3. È responsabilità di ogni concorrente prendere tutte le misure di sicurezza appropriate, comprese le eventuali protezioni per gli occhi e le attrezzature salvavita.

14.4. Ogni membro del team, tra cui anche il capitano, devono indossare una carta visibile di identificazione in ogni sessione di gara. La carta deve essere fornita dall'organizzazione del paese ospitante.

14.5. Ogni concorrente è responsabile della correttezza del suo punteggio e per confermare questa deve firmare al termine di ogni sessione un’apposita cartella.

14.6. Ogni concorrente deve viaggiare da e verso tutti gli eventi ufficiali durante la competizione ufficiale con un mezzo di trasporto dell’organizzazione a meno che non sia stata ottenuta un’autorizzazione dal rappresentante della FIPS-Mouhce o dell’organizzazione Internazionale.

14.7. Ogni concorrente che, durante una sessione di gara, richieda consulenza a terzi (fatta eccezione per il suo capitano) legata alla pesca o accetti eventuale aiuto relativo alla pesca sarà sottoposto a provvedimenti disciplinari. Se chiunque faccia parte di un team, oltre al suo capitano, comunica con un concorrente nel corso di una sessione di gara, questo sarà considerato come un caso di richiesta del concorrente e quindi soggetto a provvedimento disciplinare.

14.8. Ogni concorrente deve osservare i principi del codice mondiale anti-doping e tutte le norme anti-doping fissate per il Campionato.

14.9. Il concorrente è responsabile del suo equipaggiamento sia durante il trasporto sia durante l’azione di pesca all’interno della propria beat.

ARTICOLO 15: I CAPITANI DELLE SQUADRE

15.1. Il capitano della squadra è responsabile della condotta dei membri del team durante tutto il campionato.

15.2. Un capitano sostitutivo può essere nominato dal capitano originale fornendo il nome e la motivazione all’organizzatore Internazionale o il suo rappresentante con un minimo di trenta minuti prima dell'inizio di una sessione.

15.3. Durante una sessione di campionato, il capitano della squadra può circolare liberamente nelle beat del suo team ma non deve entrare in acqua.

15.4. Il capitano della squadra può entrare dentro la beat di un concorrente di un’altra squadra solo per avere accesso alla zona di pesca del membro della propria squadra e solo a condizione che la sua presenza non disturbi le acque o l’attività del concorrente dell’altra squadra.

15.5. Durante una sessione di pesca in barca, il capitano della squadra non avrà accesso ai membri del team.

15.6. Durante una sessione di campionato, il capitano della squadra è l'unica persona (diversa dai concorrenti) che ha permesso di comunicare in qualsiasi modo con un concorrente. È responsabilità della squadra che i capitani e ufficiali di gara si identifichino presso i controllori prima di comunicare con i concorrenti durante una sessione di gara.

15.7. Durante una sessione di campionato, il capitano della squadra non può dare aiuto materiale a qualsiasi concorrente.

ARTICOLO 16: GIURIA

16.1. La giuria deve essere formata alla prima riunione dei capitani.

16.2. La giuria sarà composta da:
a) Il rappresentante senior della FIPS-Mouche; 12
b) L’organizzatore internazionale;
c) Tre rappresentanti eletti dall’assemblea per nomina ottenuta dai membri del consiglio di presidenza attuale. Il capitano della squadra del paese ospitante non può essere nominato.
d) Tutti i membri a disposizione del consiglio di presidenza.

ARTICOLO 17: COMPITI, RESPONSABILITA’ E POTERI DELLA GIURIA

17.1. Sarà compito e responsabilità della Giuria:
a) Esaminare eventuali segnalazioni di infrazione e di intraprendere azioni appropriate;
b) Ricevere un reclamo formale scritto, accompagnato da 200€ (DUECENTO EURO) o equivalente, e intraprendere le azioni appropriate;
c) Relazionare qualsiasi azione svolta dalla Giuria al consiglio di presidenza della FIPS-Mouche

17.2. Misure disciplinari sono:
a) Avvertimento
b) Censura
c) Squalificare tutto o in parte il catturato di un concorrente.
d) Squalifica di una squadra o individuo

ARTICOLO 18: GIUDICI DI SETTORE

18.1. In tutte le competizioni, ci deve essere un giudice di settore per ciascuno dei settori o gruppi di concorrenti.

18.2. Le modalità per assicurare che i giudici del settore siano a conoscenza, competenza e dimestichezza con il regolamento, ed eventuali modifiche, devono essere rivisti e approvati dal rappresentante della FIPS-Mouche (art 6.1 (d)). Gli organizzatori di un campionato FIPS-Mouche devono garantire che tutti i giudici del settore siano in grado di parlare inglese ad un livello tale da consentire loro di discutere delle regole o violazioni di regole con i concorrenti. Se un Giudice del settore non può parlare in inglese a questo livello, gli organizzatori devono prevedere un traduttore per tutta la durata del campionato e il traduttore deve viaggiare con il giudice del settore, stare con lui nel corso di ogni sessione e dovrebbe essere disponibile al giudice di settore se è tenuto a parlare nel corso di un'audizione di controversia.

ARTICOLO 19: COMPITI E RESPONSABILITÀ DEI GIUDICI SETTORE

19.1. I giudici di settore sono responsabili del corretto svolgimento della competizione all'interno del loro settore o gruppo di concorrenti.

19.2. I giudici di settore sono responsabili della supervisione alla formazione di tutti i controllori nel loro settore e accettando solo quelli che siano adeguatamente qualificati. 

19.3. I giudici di settore sono responsabili della supervisione dei controllori per garantire che registrino accuratamente l’azione di gara (catture) e che facciano rispettare l'osservanza delle regole di gara e le loro modifiche.

19.4. I giudici del settore hanno la responsabilità di assistere i controllori all’interpretazione delle regole se vi è il dubbio circa una possibile infrazione del regolamento o le modifiche allo stesso.

19.5. I giudici di settore sono incaricati di sovrintendere alla registrazione di infrazioni sospette del regolamento o delle modifiche allo stesso e segnalarli alla Organizzatore Internazionale.

19.6. In caso di un reclamo formale, il giudice di settore coinvolto è richiesto ad assistere la Giuria con la raccolta di informazioni per risolvere la controversia.

19.7. I giudici di settore sono tenuti a garantire che nessuna persona, oltre al capitano della squadra, si avvicini ai concorrenti durante le sessioni di gara. Tutti gli osservatori devono essere tenuti ben lontani in modo da non interferire o comunicare con i concorrenti.

19.8. I giudici di settore possono avere altri compiti loro assegnati dall'Organizzatore Internazionale.

ARTICOLO 20: CONTROLLORI

20.1. I controllori sono responsabili per non più di due concorrenti alla volta per gare dalla barca e non più di uno per competizioni in torrente.

20.2. I controllori sono responsabili della corretta registrazione del concorrente (dev’essere utilizzato l’apposito modulo FIPS-Mouche) i dettagli di ogni pesce valido, tra cui la lunghezza al millimetro più vicino e l’orario di cattura. Tutte le parti non utilizzate del modulo devono essere cancellate dal controllore, alla fine della sessione. Dev’essere utilizzata una carta copiativa, l'originale della scheda sarà consegnata al Giudice di Settore e il duplicato sarà consegnato al concorrente.

20.3 I controllori non possono entrare in acqua durante lo svolgimento della gara.

20.4 I controllori sono responsabili per i concorrenti avvisandoli per qualsiasi violazione delle regole di gara e loro modifiche.

20.5 I controllori devono registrare qualsiasi infrazione delle regole di gara o le loro modifiche e riportare queste informazioni al giudice di settore o all'Organizzatore Internazionale.

20.6 I controllori possono avere altri compiti loro assegnati dall'Organizzatore Internazionale o dal giudice di settore.

20.7 L'organizzazione del paese di accoglienza è responsabile per il reclutamento dei controllori per i membri del team del paese ospitante da cittadini di altri paesi.

20.8 Le modalità per garantire che i responsabili siano a conoscenza, siano competenti e abbiano dimestichezza con queste regole di gara, e le eventuali modifiche, devono essere riviste e approvate dal rappresentante della FIPSMouche (art 6.1 (d)).

20.9 I supervisori internazionali devono essere forniti dagli organizzatori e approvati dalla FIPS-Mouche. Essi sono parte integrante dell'organizzazione per tutta la durata del campionato. Essi devono supervisionare i controllori dei concorrenti del paese ospitante durante l’azione di pesca in tutte le sessioni. Tutti i costi diretti dei supervisori internazionale invitati al campionato saranno inclusi nel bilancio di il campionato.

ARTICOLO 21: SORTEGGIO PER BEAT E BARCHE

21.1. Tutte le beat devono essere chiaramente definite prima della loro assegnazione e non devono essere alterate durante la competizione.

21.2. La beat di ciascun concorrente deve essere determinata per sorteggio dal software della FIPS-Mouche. Il sorteggio è da gestire per garantire ai pescatori di una stessa squadra di non pescare nella stessa beat di un settore nelle varie prove, né nella beat adiacente.

21.3. Un funzionario rappresentante della FIPS-Mouche deve controllare e attestare per la precisione e la correttezza della casualità del sorteggio.

21.4. a) Il programma del computer della FIPS-Mouche deve essere utilizzato per assegnare il numero della beat/barca per ciascun concorrente. Una volta attestata la validità del sorteggio da un rappresentante della FIPS-Mouche, non può più essere variato. Verrà poi distribuito al capitano di ogni team in ogni incontro un il risultato del sorteggio, dove verrà visualizzato il paese, numero e la lettera di ogni concorrente (A,B,C,D,E).
b) Il capitano di ogni squadra sorteggerà un numero per selezionare il numero del proprio paese.
c) Il capitano deve assegnare dalla lettera A alla lettera E ciascun membro della propria squadra, che costituiranno poi il sorteggio del settore.
d) Il numero della beat/barca verrà comunicato dal giudice di settore o il suo rappresentante designato, e solo dopo che il bus sia partito per ciascun settore.
e) Sono accettati altri metodi di sorteggio se sono autorizzati dalla FIPS-Mouche.

21.5. La barca per ogni concorrente deve essere decisa da un sorteggio, che deve ridurre al minimo la frequenza, idealmente a zero, con la quale i concorrenti dello stesso paese di appartenenza peschino dalla medesima barca durante le prove di campionato

21.6. L'assegnazione dei barcaioli per barche deve essere decisa tramite sorteggio, che deve ridurre al minimo la frequenza, idealmente a zero, del barcaiolo che abbia la stessa nazionalità del pescatore sulla propria barca.

ARTICOLO 22: CURA DEL PESCATO

22.1. Se un concorrente vuole che una cattura gli sia assegnata, deve portare il pesce al controllore nel guadino che ne controllerà la legalità della cattura e ne effettuerà la registrazione (art. 20.2).

22.2. Il controllore deve slamare, misurare e rilasciare il pesce facendo attenzione a non danneggiarlo.

22.3. Se un concorrente decide per sua volontà che un pesce non è validabile o è sottomisura, non è tenuto gradinarlo e a portarlo dal controllore, ma può rilasciarlo in acqua, facendo attenzione a non provocare danni, possibilmente senza toccarlo. 22.4. Se un controllore di qualsiasi competizione ufficiale constata che un concorrente ha arrecato danni al pesce, la cattura non verrà misurata e il concorrente sarà penalizzato con i punti attribuibili con un pesce di misura minima. L’evento deve essere comunicato alla giuria per considerare eventuali altre azioni.

ARTICOLO 23: GARE DALLA BARCA

23.1. Le barche della manifestazione devono essere di ugual dimensione, struttura e con un motore (ove previsto) di ugual potenza. Le barche utilizzate durante il campionato devono garantire un’adeguata stabilità per consentire una pesca sicura e che sia in sicurezza anche quando i pescatori decidano di effettuare il cambio di posto. Inoltre bisogna rispettare le norme locali per quanto riguarda la navigazione in sicurezza.

23.2. Il numero degli occupanti per ogni barca non deve superare la capacità nominale della barca stessa.

23.3. Le imbarcazioni di salvataggio devono essere tali per qualsiasi concorrente e quindi devono poter prestare servizio in qualsiasi caso d’emergenza.

23.4. Quando l'uso dell’ancora a vento è consentito nel regolamento di modifica, l’organizzazione deve fornire un’ancora a vento identica per ciascuna barca. Se l’ancora a vento dovesse essere persa o danneggiata, quindi resa inutilizzabile, deve essere sostituita.

ARTICOLO 24: PESCI AMMISSIBILI

24.1. Le Specie di pesci ammissibili e le dimensioni minime devono essere specificate nel regolamento di modifica. Per quanto riguarda la misurazione, la lunghezza del pesce verrà determinata dalla punta del “naso” a qualsiasi parte della coda in accordo con quanto sia specificato nel regolamento di modifica.

24.2. Solo i pesci allamati per l’apparato boccale, cioè nella parte anteriore rispetto alle branchie verranno considerati validi.

24.3. Un pesce allamato all'interno di una sessione di gara è considerato valido se viene recuperato entro dieci minuti dal termine della sessione di gara.

ARTICOLO 25: CANNE REGOLAMENTARI

25.1. La canna da mosca regolamentare non può superare la lunghezza di 12 piedi (3 metri e 66 centimetri) e può essere usata una sola alla volta.

25.2. I concorrenti possono avere più di una canna di scorta con loro, ma quando la pesca avviene dalla barca non devono essere montate o con i mulinelli montati. 16

25.3. I concorrenti sono gli unici responsabili del trasporto e dell’assicurazione della propria attrezzatura.

ARTICOLO 26: CODE DI TOPO REGOLAMENTARI

26.1. Qualsiasi realizzata dalla fabbrica come galleggiante, affondante o con punta affondante può essere utilizzata, fatta eccezione per finali.

26.2. Le code di topo regolamentari devono avere una lunghezza minima di 22 metri.

26.3. Le code tipo shooting head non sono ammesse.

26.4. Altri accessori atti ad affondare o a galleggiare non sono ammessi sulla coda di topo. È consentita la giunzione tra coda e finale con un’asola che però deve avere una lunghezza massima di 10 cm.

ARTICOLO 27: I FINALI REGOLAMENTARI

27.1. Può essere utilizzato un finale di monofilo conpreso il tippet, la lunghezza può essere al massimo il doppio della canna.

27.2. I finali possono essere a nodi o conici. Può essere fatto un solo nodo per collegare il finale con la coda di topo, se il finale è a nodi la distanza tra i nodi non può essere inferiore a 30 cm.

27.3. Altri accessori atti ad affondare o a galleggiare non sono ammessi sul finale.

ARTICOLO 28: MOSCHE REGOLAMENTARI

28.1. I concorrenti potranno utilizzare mosche galleggianti o affondati.

28.2. Ogni mosca deve essere costruita su un amo singolo, senza limiti di dimensione.

28.3. Se si usa una sola mosca la lunghezza di questa è a discrezione del concorrente.

28.4 Se si usano più di una mosca, gli artificiali devono rispettare la seguente dima: 17

28.4. Le mosche regolamentari devono nascondere sotto il dressing la piombatura, ogni mosca non può avere una testina superiore ai 4mm di diametro. La pittura non costituisce da sola il dressing consentito.

28.5. È consentito l’utilizzo di non più di tre mosche contemporaneamente e non devono avere una distanza tra di loro inferiore ai 50 centimetri, misurati da occhiello a occhiello delle mosche liberamente appese.

28.6. Tutte le mosche devono essere legate al finale in modo che né loro stesse né i nodi che le legano devono scorrere sul finale.

28.7. Tutte le mosche devono essere costruite su ami senza ardiglione.

ARTICOLO 29: GUADINI REGOLAMENTARI

29.1. Il materiale del guadino deve essere di cotone morbido o altro materiale non abrasivo e preferibilmente sprovvisto di nodi.

29.2. Il guadino non deve superare i 48 pollici / 122 cm di lunghezza complessiva, quando è completamente esteso.

ARTICOLO 30: DIVIETI

30.1. Sono da rispettare i seguenti divieti: Se la lunghezza dell’amo è minore di 20mm, la massima dimensione del corpo dovrà passare nella fessura di larghezza 5mm. Il foro da 4mm identifica la dimensione massima della pallina utilizzabile. Se l’amo è più lungo di 20mm allora il corpo dovrà passare nello slot da 3 mm di larghezza. La massima lunghezza dell’amo è di 40 mm. 
a) La pesca nei settori di gara da parte dei concorrenti o dei loro accompagnatori durante un periodo di sessanta giorni prima dell'inizio ufficiale della manifestazione.
b) Qualsiasi coinvolgimento dell'Organizzatore internazionale nella gestione della squadra del paese ospitante per un periodo che inizia da 60 giorni prima del campionato e finisce alla conclusione dello stesso.
c) Mancanza di sportività nei confronti degli altri concorrenti, organizzatori o ufficiali.
d) Qualsiasi azione da parte di concorrenti, organizzatori o degli ufficiali che possa essere considerato frode o di parte.
e) L'uso di macchine fotografiche o videocamere per riprendere/fotografare beat di concorrenti di altri paesi ai fini di fornire informazioni per una squadra, durante l'intero campionato.
f) L'uso di radio o altri metodi di comunicazione elettronica nel corso di una sessione di gara se non per la risoluzione di problematiche o per motivi di sicurezza.
g) L'uso da parte di un membro del team di radio o altri metodi di comunicazione elettronica nel corso di una sessione di gara.
h) Un concorrente, durante una sessione di gara, richiedere consulenza relativa alla pesca a chiunque (diverso dal suo capitano) o accettare materiale di pesca da nessuno.
i) L'uso da parte di un membro del team di un fishfinder/ecoscandaglio durante il campionato.
j) L'uso di qualsiasi sostanza vietata che venga considerata doping, secondo il regolamento anti-doping stabilito.

ARTICOLO 31: PESCI PERSI

31.1. In caso di perdita di un pesce da un controllore prima della misurazione, al concorrente sarà concessa la media dei punti per tutte le catture valide effettuate nel medesimo settore in quella sessione.

31.2. Ad un pesce perso durante la pesca in barca, quando è il controllore a effettuare la guadinatura su richiesta del concorrente, non sarà essere assegnato alcun punteggio.

ARTICOLO 32: ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI

32.1. Per ogni cattura valida, un concorrente otterrà un punteggio 100 punti.

32.2. I concorrenti riceveranno venti punti per ogni centimetro di lunghezza di ogni cattura valida; la registrazione della lunghezza sarà arrotondata al centimetro successivo ai fini del punteggio.

32.3. La lunghezza di una cattura sotto le dimensioni ammissibili non sarà arrotondata per eccesso, in modo tale che la cattura non venga assegnata.

ARTICOLO 33: CLASSIFICA DELLA SESSIONE

33.1. Tutti i concorrenti vengono classificati nel loro gruppo a seconda dei punti che ottengono nel proprio settore per ogni sessione del campionato.

33.2. Ad ogni concorrente che non cattura alcun pesce valido nella sessione, verrà attribuito un piazzamento pari al numero di concorrenti nel settore per quella sessione. Lo stesso piazzamento verrà assegnato ad ogni concorrente che non partecipi alla sessione per qualsiasi motivo.

33.3. Ad ogni concorrente che è costretto al ritiro per qualsiasi motivo da una sessione di un gara, verrà considerato valido ai fini del risultato, il pescato fino a quel momento.

33.4. Ad ogni squadra incompleta sarà assegnato un piazzamento pari al numero dei concorrenti del settore per ogni sessione per la quale il membro del team è assente.

33.5. In condizione di parità di punteggio tra concorrenti nello stesso settore, la discriminante sarà il numero di pesci validi catturati. Se la parità persiste, i concorrenti riceveranno uguali penalità e il piazzamento successivo sarà vuoto.

ARTICOLO 34: POSIZIONI DI SQUADRA E INDIVIDUALI

34.1 I piazzamenti delle squadre e degli individuali saranno determinati come segue:
(a) Squadre: La prima posizione sarà assegnata alla squadra con il minor numero complessivo delle penalità di tutti i membri del team, e allo stesso modo per tutte le altre posizioni.
(b) Individuali: Il primo posto è attribuito alla persona con la più bassa somma delle penalità, e allo stesso modo per tutte le altre posizioni.

34.2 Una riserva che pesca in un settore più di una volta non avrà diritto ad avere un piazzamento all’interno del campionato, anche se i suoi piazzamenti saranno inclusi nel calcolo dei risultati di squadra.

34.3 Se c’è un pareggio di penalità tra le squadre o individuali, la prima discriminante sarà il maggior numero di punti ricevuti, il secondo sarà il maggior numero di catture valide e il terzo sarà il pesce più grande.

34.4 Se la parità persiste, le squadre in parità o individui saranno assegnati piazzamenti uguali e la posizione immediatamente successiva sarà vuota.

ARTICOLO 35: PUBBLICAZIONE DEI RISULTATI

35.1. L'Organizzatore Internazionale deve comunicare alla prima riunione dei capitani la collocazione delle classifiche.

35.2. I risultati della sessione delle posizioni individuali e di squadra, devono essere pubblicate entro tre ore dalla di ogni sessione.

35.3. I risultati giornalieri e progressivi sia per gli individuali che per le squadre devono essere pubblicati entro tre ore della fine dell'ultima sessione di ciascun giorno.

35.4. I risultati finali delle posizioni individuali e di squadra devono essere pubblicate entro tre ore dal termine della sessione finale.

ARTICOLO 36: PUBBLICAZIONI RISULTATI E RECLAMI. 20

36.1. I risultati di entrambe le sessioni della giornata di gara verranno considerate definitive alle ore 9:00 del giorno seguente, fatta eccezione per la prova conclusiva, dove si considera la classifica definitiva dopo 2 ore dalla publlicazione.

36.2. L’orario di pubblicazione deve essere ben visualizzato sulla classifica esposta.

36.3. La responsabilità della verifica dei risultati della squadra e dei suoi membri è attribuita al capitano.

36.4. Se non vi sono obiezioni, che sono poi verificate, entro il termine previsto, i risultati verranno dichiarati definitivi.

36.5. È responsabilità dei capitani delle squadre di notificare al rappresentante della FIPS-Mouche o all’Oganizzatore Internazionale l’eventuale discrepanza dei risultati nel più breve tempo possibile.

36.6. Solo le obiezioni fatte durante il periodo previsto dal regolamento verranno considerate dalla giuria e prese in considerazione per una eventuale modifica dei risultati. Dopo eventuali modifiche il rappresentante della FIPS-Mouche o l’Organizzatore Internazionale dovrà firmare le classifiche e pubblicarle.

ARTICOLO 37: RECLAMI FORMALI

37.1. Un reclamo formale può essere fatto da un ufficiale di gara, una squadra o un rappresentante della FIPS-Mouche per quanto riguarda le violazioni delle regole di gara,o l’eventuale regolamento di modifica, lo statuto della FIPS-Mouche per quanto riguarda i comportamenti non etici o antisportivo o frode.

37.2. Un reclamo formale deve essere in forma scritta.

37.3. Un reclamo formale deve essere esposto al rappresentante della FIPS-Mouche, o l'organizzatore Internationale, entro due ore dopo la pubblicazione ufficiale dei risultati della sessione finale del giorno stesso.

37.4. Un reclamo formale a nome di una squadra deve essere esposto dal capitano della squadra o dal manager.

37.5. Un reclamo formale di una squadra deve essere accompagnato da una caparra di 200 Euro o suoi equivalenti. Se il reclamo viene accolto, il deposito sarà restituito, altrimenti viene incassato dalla FIPS-Mouche.

ARTICOLO 38: TITOLI E TROFEI

38.1. Il team classificato al primo posto sarà designato come Team Campione del Mondo o Team Campione se non è un campionato del mondo.

38.2. Il Team Campione del Mondo o Team Campione riceverà un trofeo così designato.

38.3. I cinque concorrenti, la riserva, il manager e il capitano dei Team classificati primo, secondo e terzo, riceveranno rispettivamente medaglie d'oro, d’argento e di bronzo. 21

38.4. Il concorrente singolo classificato al primo posto sarà designato come Campione del Mondo Individuale o Campione Individuale, se non è un campionato del mondo.

38.5. Il Campione del Mondo Individuale o Campione Individuale riceverà un trofeo così designato.

38.6. I concorrenti individuali classificati come primo, secondo e terzo riceveranno rispettivamente medaglie d’oro, d’argento e di bronzo.

38.7. Non ci saranno premi in materiale o monetari, in alcuna competizione autorizzata dalla FIPS-Mouche.

ARTICOLO 39: NORME ANTI-DOPING

39.1. Regolamenti antidoping e test saranno sviluppati e condotti dal paese ospitante del Campionato, in linea con il Codice mondiale anti-doping creato dalla World Anti-Doping Agency (WADA), secondo le leggi, i regolamenti, i principi e le pratiche adottate dall’autorità dello Sport Nazionale e il Comitato Olimpico Nazionale.

39.2. Tutte le normative anti - doping del caso, saranno incluse nel regolamento di modifica per il campionato (art. 7)

39.3. Tutti i test anti-doping del caso, devono essere finanziati per mezzo di risorse al di fuori del bilancio di campionato.

ARTICOLO 40: LINGUA DEL TESTO ORIGINALE

40.1. La lingua del testo originale di queste regolamento è l’inglese.

40,2. Il Regolamento deve essere disponibile in tutte le lingue ufficiali.

40.3. Eventuali chiarimenti o malintesi sono da risolvere con riferimento al testo originale.

ARTICOLO 41: DICHIARAZIONE DI APPROVAZIONE

41.1. Il regolamento originale FIPS-Mouche è stato approvato al momento della fondazione della FIPS-Mouche, come parte del CIPS a San Marino nel 1989 e sono stati successivamente modificati e approvati dall’Assemblea Generale della FIPS-Mouche come segue:
a) a Bordeaux, in Francia, nell'aprile del 1991
b) a Dublino, Irlanda, nell'aprile del 1993
c) a Dresda, in Germania, maggio 1995
d) in Lussemburgo, Maggio 1997
e) a Parenzo, in Croazia, nel maggio 1999
f) a Valladolid, in Spagna, nel maggio 2001.
g) a Locarno, in Svizzera, nell'aprile 2003
h) a Palermo, Italia, Maggio 2005
i) a Praga, Repubblica Ceca, nel maggio 2007
j) a Dresda, in Germania, nell'aprile del 2009
k) a Roma, in Italia, ad aprile 2011
l) a Lisbona, in Portogallo ad Aprile 2013

MODIFICHE AL REGOLAMENTO

FIPS-Mouche ha nominato l’Italia come paese organizzatore del 21 Campionato Europeo di Pesca a Mosca, che si svolgerà a Comano Terme, Italia. Queste modifiche al regolamento si applicano all’ultima versione del regolamento FIPS-mouche latest published FIPS-Mouche Competition Rules.

Articolo 2 : Informazioni generali

2.2. Add: quattro sessioni di pesca si svolgeranno nei fiumi, pesca da riva, sarà possibile guadare. Una sessione si svolgerà su un lago, pesca da riva, non è possibile guadare.

 

Articolo 9: Gare dalla riva

9.3. Add: i lanci dalla riva avranno un media di 150 m con una zona cuscinetto di 5 m.

9.7 Add: sarà possibile guadare nei settori dei fiumi e sarà possibile indossare salopette.

Add 9.9 : nella pesca nei laghi, ci saranno 4 rotazioni di 45 minuti ciascuna con 3 rotazionidi 10 minuti a rotazione.

Change in 29.6: 2 mosche al massimo sono ammesse.

 

Article 11: Duranat dell’evento, punteggio e sessioni di prova

11.3. Add: gli orari di pesca saranno inserite nel programma del campionato: dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00.

11.4. Add: tuttel le prove si svolgeranno con il „catch and release“, gli orari e le rotazioni di prova verranno inseriti nel programma del campionato.

Add – in tutte le prove, ufficiali e non, dovranno essere usati ami senza ardiglione.

Article 24: Pesci ammessi

Add: i pesci ammessi sono:

Tutti i salmonidi

Tutti i pesci con una lunghezza minima di 180 mm.

La misura verrà presa dalla punta del naso all’estremità della cosa, stirate insieme.

Annex A  Matrice di rotazione

  • Settore I: Fiume Sarca -Genova - Pesca in fiume
  • Settore II: Fiume Sarca - Pinzolo - Pesca in fiume
  • Settore III: Fiume Sarca -Tione - Pesca in fiume
  • Settore IV: Fiume Sarca - Comano - Pesca in fiume
  • Settore V: Lago di Nembia - Pesca in lago

Matrice di rotazione fra settori

Groups

Mercoledì mattina

Mercoledì pomeriggio

Giovedì mattina

Venerdì mattina

Venerdì pomeriggio

A

I

II

III

IV

V

B

II

III

IV

V

I

C

III

IV

V

I

II

D

IV

V

I

II

III

E

V

I

II

III

IV

 

Scarica il Regolamento

Note integrative

News

RESTA informato su tutte le novità...

Scopri le news sull'evento più atteso da tutti gli appassionati di pesca in Europa!

LE ACQUE CRISTALLINE DEL TRENTINO

Evento

XXI° campionato europeo di pesca a mosca fips-mouche

In programma dal 21 al 27 settembre 2015, avrà come cornice quella delle Dolomiti di Brenta e dell’Adamello, da cui nasce il torrente Sarca. 4 campi gara lungo il fiume e uno nel laghetto alpino di Nembia, dove campioni provenienti da una ventina di paesi europei si sfideranno nell’arte della pesca a mosca. Una tecnica che richiede grande competenza oltre ad attrezzature sofisticate, spesso costruite dal pescatore stesso tenendo conto della morfologia degli insetti presenti in quel corso d’acqua ed in quel particolare momento, determinando una vera e propria simbiosi tra pescatore e ambiente nel massimo rispetto per la natura, dimostrato dal fatto che la tecnica prevede la cattura e l’immediato rilascio della preda, appena dopo la verifica della misura da parte del giudice. L’edizione precedente si è tenuta in Svezia.

Leggi il saluto del Presidente della Provincia autonoma di Trento dott. Ugo Rossi, dell’Assessore Dallapiccola e dell'Assessore Mellarini

FLY FISHING: SINTONIA TRA PESCATORE E AMBIENTE

Discover The Region

Scoprire il Trentino significa vivere un’esperienza varia da non scordare più: la natura, il benessere, la cultura e le tradizioni locali offrono una terra di passaggio e d’incontro di diverse culture.

Il fiume Sarca: il regno della trota Marmorata

Settori di pesca

Il XXI° campionato europeo di pesca a mosca Fips-Mouche si tiene sul torrente Sarca, che nasce dai ghiacciai dell’Adamello e sfocia nel Lago di Garda, da cui esce con il nome di Mincio. 77 chilometri separano la sorgente dal Garda.
Le prove del Campionato si svolgeranno in 4 settori dell’alto Sarca: in Val Genova, nella zona di Pinzolo, nei pressi di Tione e alle Terme di Comano/Ponte Arche. Il quinto settore è invece al Lago di Nembia.
Ogni atleta avrà a disposizione circa 200 metri di fiume per ognuna delle cinque prove previste.

Richiesta info

Vuoi registrare il tuo team MA HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Vuoi PESCARE SUL FIUME SARCA?

Hai bisogno di maggiori informazioni sull'evento?

Contattaci, saremo lieti di soddisfare ogni tua esigenza!

COME ARRIVARE

IN AUTO:

Uscita Trento nord per chi arriva da Nord / Interporto / direzione Madonna di Campiglio / Comano Terme. (km. 40);
Uscita Trento Sud per chi arriva da Sud / tutte le direzioni / entrare in tangenziale / uscita N. 6 / direzione Madonna di Campiglio- Comano Terme (km. 35)

IN aereo

Aeroporto di Verona Villafranca (distante 125 km). Possibilità di utilizzare il bus-navetta fino alla stazione ferroviaria di Verona e poi con il treno fino a Trento.
Da qui partono vari autobus che raggiungono le Terme di Comano (distante 28 km).

IN treno

La stazione ferroviaria più vicina si trova a TRENTO a 28 km dalle Terme di Comano.

TAXI - MINIBUS (servizio privato):

Filippi Sergio: Tel. 0465 701033 – cell. 340 4839546
Fruner Viaggi: Tel. 0465 735059 - cell. 348 2226704
Rigotti Flavio: Tel. 0465 734481 – cell. 339 2950824
Trentino Bus: Tel. 0461 585019 – cell. 329 0978576

IN pullman

A pochi metri dalla stazione ferroviaria di Trento collegamenti con autobus di linea di Trentino Trasporti

Per maggiori informazioni:
Azienda per il Turismo Terme di Comano - Dolomiti di Brenta
Tel. 0465 702626 - info@visitacomano.it

Back to top